B&B Valdirose: Ospitalità e ottimismo, il motto di Irene

Bonjour e Buona domenica :)

Eccomi qui anche oggi a presentarvi un nuovo guest post di Alice per la nostra rubrica travel, che , come vi dicevo anche  qui, sta iniziando a muovere i primi passi nel mondo di questo blog, al fine di aiutarmi a farlo crescere ancora, fornendovi argomenti travel/lifestyle sempre nuovi ed interessanti.

Di cosa ci parla quindi oggi? Di un nuovo viaggio, di una nuova scoperta, fatta in giro per il nostro splendido paese…

Good Morning and Happy Sunday!

Here I am to introduce you again an Alice guest post, who, has already told you in a recent post, is taking her fer steps as a guest blogger into “The Brunette World”, being part of its further growth, with the goal of providing you with fresh and interesting content on travel/lifestyle topics.

What is her story today? A new journey, a lovely Bed and Breakfast in the heart of Tuscany, so, once again a piece of beauty of my wonderful country!

Un’antica dimora di famiglia di metà dell’Ottocento ristrutturata con cura e attenzione.

Immerso nel verde argentato degli ulivi, a un passo da Firenze, Valdirose è un incantevole Bed and Breakfast dove lasciarsi coccolare dalla quiete del posto.

A middle XIX century family house renovated with care and extraordinary attention to detail.

 

Surrounded by a pleasant greenery and silvery olive trees, very close to Florence, Valdirose is a lovely Bed and Breakfast, where get pampered by the peace of the surrounding hills.


La grazia delle tinte pastello, la rusticità di lino e canapa, la trasparenza del vetro: eccovi le camere, dove potrete rilassarvi avvolti da un’atmosfera provenzale e shabby chic.

Sophisticated pastel colours all around, embellished by linen and hemp, trasparent glass desig.. here below you can see some snap shots of the rooms, where you’ll be able to truly relax whilst immersed in an Occitan and shabby chic atmosphere.

Ad accogliervi, uno scodinzolante Otto (il cane), Irene, il su babbo Giovanni e Paolo, suo marito.

Semplicità sembra essere il motto della padrona di casa.

Piccoli dettagli che ti scaldano il cuore, abbondanti colazioni che rendono dolce il risveglio e una cordialità che ti fa sentire a casa.

Otto (the dog) will warmly welcome you as well as the host Irene, her dad Giovanni and Paolo, her husband.

Simplicity seems to be the motto of this friendly and charming lady.

Thanks to the little details, you’ll immediately feel comfortable and truly loved: “yummy” breakfasts for a sweet wakening are served whilst enjoying a great hospitality which makes you feel at home.

Ma ora lasciamo che sia proprio Irene a raccontarci del suo piccolo mondo incantato.

But now, it’s time for Irene to tell us more about her little, enchanted world.

L’idea di raccontare, nel tuo blog, il tuo b&b come se fosse una favola quotidiana, semplice ma incantevole, come è nata?

Pensato inizialmente come un luogo virtuale per tenere i contatti con la clientela, tenerla costantemente aggiornata e informata sul b&b, il blog ha aperto nel 2007. Quando poi ho iniziato a raccontare me stessa, le mie storie personali, allora ho cominciato ad avere un ampio seguito. È bello sapere che la gente si emoziona guardando le mie foto e condividendo i miei stati d’animo.


How did the idea to write on your blog about your b&b as a daily, charming, fairy-tale started?

The initial ideas was very simple: to create a virtual place where to keep in touch with my guests and keep them updated about Valdirose latest news.
The blog opened in 2007. I started to talk about myself and my personal life, then started getting loads of followers. It’s great to know that people are inspired by my pictures and feelings.

Se dovessi descrivere Valdirose in tre aggettivi, quali sceglieresti?

Accogliente, familiare e positivo.

Please describe Valdirose in three adjectives.

Welcoming, domestic and able to enhance positive feelings. 

“Quello che piace a Irene”: un libro di ricette, di emozioni, di fotografie, che segue i ritmi stagionali.
Come mai l’esigenza di “fermare” su carta un intero anno con le sue continue evoluzioni e le sue novità?

Come in tutte le favole, anche a Valdirose avvengono degli incontri “magici”. L’Editore Guido Tommasi era ospite al b&b e mi ha proposto di scrivere un libro. Non avevo mai fotografato cibo, era per me una nuova ed entusiasmante esperienza. Quindi ho accettato. Credo che l’utilizzo di prodotti tipici sia un modo per raccontare chi siamo e le nostre radici. Le stesse ricette che propongo appartengono alla mia famiglia, tramandate da mia nonna e poi da mia mamma. Io cerco di farle rivivere, per far sì che l’anima della casa in cui sono cresciuta continui a nutrirsi dell’amore con cui sono stata allevata.

“What Irene likes”: a book of recipes, feelings, pictures, which follows seasonal timescales.
Why you decided to write about an entire year with its continuous evolutions and changes?

As in fairy-tales, at Valdirose often some kind of magic happened. The editor Guido Tommasi has been one of my guests and proposed me to write a book.
I had never taken pictures of food before, that was my first time! So exciting I thought, so I accepted. I strongly believe that typical products can tell who you are, and describe our roots.
The recipes contained in the book belong to my family,have been handed over from my granny to my mum, and then to me. It’s a way to bring theirs souls back to life and to make sure that in my house is kept the love which I’ve been raised with.

In Toscana si dice “sei quello che mangi”. Quali sono i tuoi piatti preferiti e quindi come ti definiresti?

Adoro la semplicità. I miei piatti hanno pochi ingredienti e di stagione: una pasta con le verdure colte nell’orto del babbo, un’insalata di trippa secondo la tradizione toscana, una torta casalinga…
Molto riservata, mi circondo di poche persone ma buone, come gli ingredienti che utilizzo per le mie ricette.

In Tuscany you are used to saying “you are what you eat”. Which are your favourite dishes and how would you describe yourself?

I love simplicity. My dishes have few seasonal ingredients: pasta with vegetables which grow in my Dad’s garden, a proper tripe salad cooked as per Tuscan traditions, or a home-made cake…

I tend to be very discrete, so I surround myself only with a few people,and I do the same for the ingredients I use for my recipes.

E infine, raccontaci una curiosità su Valdirose…

Gli italiani lo chiamano alla francese, senza la “e” finale, forse perché il romanticismo del luogo, abbellito da rose e ortensie, si percepisce già dal nome.

Alloggiare per credere!

Ok,thanks Irene, now the very last question: tell us a little curiosity about Valdirose…

The Italian people call Valdirose with a French accent, without the final “e”. Maybe because the romanticism of the place, embellished by roses and hydrangeas, already tells a lot than the name itself.

Looking forward to seeing you soon in Valdirose!



Lascia un Commento